Anche martedì 31 serata di approfondimento in via tolmezzo 87

Anche martedì 31 gennaio dedicheremo l’apertura settimanale della sede ad una serata di discussione collettiva.
Abbiamo raccolto la proposta di Andrea di raccontarci il suo percorso di studio e ricerca che riportiamo con le sue parole…
Vi aspettiamo ore 20.30 (puntuali)

 

“Ho pubblicato il mio primo libro, “Israeliti e Hyksos. Ipotesi sul II Periodo Intermedio d’Egitto e la sua cronologia” (Kimerik, Patti (Me)
2016) è stato pubblicato a luglio. Il secondo, “Exodus. Dagli Hyksos a
Mosè: analisi storica sui due Esodi biblici” (Altera Veritas, Roma 2016) a ottobre. In esso applico i miei studi di Storia che sto conducendo presso l’Ateneo veneziano “Ca’ Foscari” in Storia, in particolare del Vicino Oriente antico, II millennio a.C., delle lingue dell’area e del periodo, e delle religioni che lo interessano, unendo storia e antropologia. Mi occupo di esaminare le plurime interpretazioni del mito biblico. Questi studi, pur prettamente storici, antropologici e accademici, hanno dei risvolti politici e filosofici, come ogni metodo antropologico, sociologico, ermeneutico ed epistemologico, riguardo cui mi farebbe piacere avviare un dibattito, che trascenda la mera presentazione dei libri, da cui inizierei comunque l’incontro.
L’antropologia, che quivi applico a un contesto difficile, poiché per forza di cose diacronico rispetto al punto di vista dell’analista, è ontologicamente non neutra. Il sacro, per impiegare quella che già di per sé è una categoria nostra e non universalizzabile, è stato analizzato con punti di vista diversi dai colonialisti, i missionari, i neofascisti, i marxisti, i primitivisti, ecc. Un percorso che si interroghi sulla non neutralità della Storia e dell’antropologia, partendo da un caso di studio – l’Esodo ebraico – penso sia interessante da un punto di vista politico, sociale, di sinistra o libertario.
Cercare di studiare in maniera scientifica quanto concerne la Bibbia inoltre è già di per sé non neutro. Poi ovviamente in base all’interesse per i vari aspetti che tratto si può modificare l’orientamente della presentazione-dibattito.”

This entry was posted in General. Bookmark the permalink.