Terzo appuntamento con i film di Céline Sciamma: mercoledì 25/05

a2482b1293a9557a5951cc4ba6c32ae04d0a1277-700

Cineforum (A)utogestito mercoledì 25 maggio

ore 20.00 convivialità vegan
a seguire
proiezione di
NAISSANCE DES PIEUVRES (Water Lilies)
di Céline Sciamma
(in lingua originale con sottotitoli in italiano)

Un film tira l’altro come le ciliegie.
Non era nostra intenzione, almeno all’inizio, fare una rassegna monografica, ma è successo.
Per Céline Sciamma è stato un colpo di fulmine. Punto.
Con tocco delicato e mai patetico ci ha presentato il difficile passaggio tra infanzia-adolescenza-età adulta, raccontandoci le storie di persone in divenire, in trasformazione, che si scontrano con la VIOLENZA (quella vera) della società, della cultura dominante, della normatività, dei ruoli sociali.

Diamante nero (2014) ma meglio il titolo originale, Bande de filles- è la storia di una giovane donna che cerca una via di fuga alla predeterminazione della propria esistenza, come donna e come figlia della banlieue, e al “controllo” patriarcale (famigliare e sociale), trovandola in una “gang” di ragazze. Il contesto/contenitore è quello della banlieue parigina che, diversamente da altra cinematografia, non viene spettacolarizzata, né resa la protagonista, ma emerge come un crudo e reale background, con le sue proprie regole.

Tomboy (2011), invece, parla di altre vie di fuga, quelle per cercare una propria rappresentazione del sé. Laure decide di socializzarsi come un bambino ai nuovi amici e amiche del quartiere in cui si è appena trasferit*. Tra spensierati giochi a palla, tuffi in mare e la nascita del primo amore, seguiamo il suo percorso di trasformazione e siamo portat* a farlo con un senso di ansia latente, non tanto perchè ci sia un “segreto” da scoprire, ma perchè, in fin dei conti, SAPPIAMO cosa si nasconde dietro l’angolo, quello che succede a chi sfugge alla norma in questa società.

Infine, terzo ed ultimo appuntamento con i film di Sciamma, è il suo primo lungometraggio Naissance des pieuvres (2007) –uscito in inglese come Water Lilies, ma La nascita delle piovre traducendolo in italiano-.  L’argomento centrale è la sessualità in età adolescenziale, declinata come formazione di un desiderio che diverge dalla convenzione sociale. Così l’attrazione viene letta nella sua complessità: la costruzione socio-culturale e politica dell’età, dei canoni estetici, delle identità sessuali. Il film non si limita soltanto a porre il problema dell’incasellamento nell’omosessualità/eterosessualità/bisessualità, ma abbraccia in senso più generale il tema della normazione del desiderio. 

Insomma, Sciamma ci descrive il momento in cui la potenzialità dell’individuo è al massimo e viene limitata e castrata violentemente dalla normatività sociale e culturale che appare come una nota stonata, ma con la quale, invece, siamo abituat* a convivere quotidianamente.

Ci mostra quanto male faccia la socializzazione violenta all'(etero)sessismo, in cui siamo stat* immers* sin da bambin*, nonché quanto sia feroce l’esclusione sociale per chi devia e non corrisponde ai canoni, ancor più per chi è nat* in un quartiere di frontiera -reso nemico sociale e bacino di sfruttamento-.

Ma i film di Sciamma sono anche un’intensa educazione sentimentale, che illumina la potenza delle complicità, delle alleanze, delle relazioni di affinità che possiamo creare contro questi regimi sociali, che indica alcune vie in cui il “personale” -che personale non è-, il desiderio si fa propriamente sovversione.

 

Posted in Antisessismo, Cineforum, DIY, General, Iniziative | Tagged , , , , , , | Comments Off on Terzo appuntamento con i film di Céline Sciamma: mercoledì 25/05

Abbattere le frontiere, al Brennero e ovunque…

111111333334444Solidarietà alle e ai compagn* condannat* oggi per aver cercato di abbattere la frontiera al Brennero.

Né frontiere, né galere!

No border, no nation, stop deportation!

Posted in Anarchia, Lotta anticarceraria, Repressione, Solidarietà | Tagged , , | Comments Off on Abbattere le frontiere, al Brennero e ovunque…

Queer-è-forum di mercoledì 11/05: TOMBOY

Nuovo appuntamento con il QUEER-è-FORUM in via Tolmezzo 87

MERCOLEDì 11 MAGGIO
ore 20.00 convivialità vegan
a seguire proiezione di
TOMBOY
di Céline Sciamma

Con Tomboy siamo invitat* a riflettere su cosa significhi vivere l’aspetto soffocante di una società che non distingue sesso e genere e che vuole continuare ad ignorare le esigenze, sentimenti ed esperienze dell’individuo impedendo a chiunque di esprimere la propria identità liberamente. Non solo: è anche un ottimo spunto di partenza per iniziare a ripensare il nostro modo di porci con le/gli altr*. Quando ci rivolgiamo ad una persona diamo per scontato il suo genere di appartenenza? Le sue preferenze sessuali? Stiamo ascoltando la persona o gli stereotipi su di essa? Parliamone assieme dopo il film…

Trama: Laure, dieci anni, insieme ai genitori e alla sorella Jeanne si trasferisce durante le vacanze estive. La mamma è incinta del terzo figlio (un maschio) e il padre è impegnato al lavoro. La bambina approfitta della distrazione degli adulti per prendere una decisione: nel nuovo ambiente si farà credere un maschio. E’ come Michael che farà le prime amicizie e, in particolare, attirerà l’attenzione di Lisa che finirà con l’innamorarsi del nuovo arrivato con il quale scambierà qualche bacio e momenti mano nella mano. Fino a quando potrà durare questa situazione? Céline Sciamma torna ad affrontare, dopo Water Lilies, le tematiche della scoperta della sessualità spostando però l’attenzione dalla fase adolescenziale a quella preadolescenziale. Trova in Zoé Héran l’interprete adatta per rappresentare, con la giusta dose di innocenza mista a un bisogno di esplorare, il cammino estivo di Laure. Sciamma osserva il microcosmo dei bambini con tenerezza e acume ma senza facili semplificazioni. Maschi e femmine in formazione non sono quegli esseri asessuati che gli adulti vorrebbero che fossero. Natura e società impongono le loro leggi e, in particolare la società, i loro modelli con cui confrontarsi e scontrarsi. Perché spesso sono più legati a stereotipi che a veri bisogni. Così Laure mentre decide di trasgredire facendosi passare per maschio finisce inconsciamente per aderire a quelle che ritiene debbano essere necessariamente le caratteristiche dell’altro sesso. Céline Sciamma, nel descrivere Laure, va oltre quella che avrebbe potuto costituire la gabbia episodica di un racconto di travestimento infantile e lascia lo spettatore con domande più ampie intorno alla definizione della sessualità propria di ogni individuo. In definitiva spetta a noi decidere se quell’estate sarà solo una parentesi nella vita della bambina oppure se ne segnerà il futuro.

 

 

Posted in Antisessismo, Cineforum, Iniziative | Tagged , , , | Comments Off on Queer-è-forum di mercoledì 11/05: TOMBOY

ANARH – 7 E 8 MAGGIO @INDE A kOPER

Ci vediamo con la nostra distro alla tradizionale fiera del libro anarchico che quest’anno avrà luogo sul litorale sloveno a Koper presso lo squat Inde!
Incontri e discussioni sull’autonomia, la repressione e la risposta anarchica alle sfide del mondo moderno, libri, riviste, fanzine, dischi e bella gente.


sabato 7 maggio dalle 12.00 – domenica 8 maggio 18.00

Posted in Anarchia, Antifascismo, Antimilitarismo, Antisessismo, Archivio digitale, Astensionismo, Autogestione, Carcere, Dal territorio, DIY, Downloads, General, Iniziative, Internazionalismo, LesCostumizzed, Lotta anticarceraria, music(a), Net-Attivismo, No CIE, No Nucleare, No TAV, postporno, pubblicazioni, Repressione, Solidarietà, Traduzioni, Volantini | Tagged , , , , | Comments Off on ANARH – 7 E 8 MAGGIO @INDE A kOPER

Udine: Condanna per Antifascismo…

indexSOLIDARIETA’ ANTIFA!

Apprendiamo che alcun* compagn* sono stat* condannat* pesantemente (info qui), per aver contestato lo spettacolo sulle foibe di Simone Cristicchi un anno fa a Udine .

Noi stiamo con loro, con chi lotta contro il fascismo, partigiane e partigiani sempre!

Sulle pagine di giap dei wu ming, un testo che spiega con dovizia di fatti perché lo spettacolo di Cristicchi sia fascista. 

Qui invece il volantino che era stato distribuito in quella serata di aprile in cui Cristicchi è stato contestato.

 

 

 

Posted in Antifascismo, Repressione, Solidarietà | Tagged , , | Comments Off on Udine: Condanna per Antifascismo…

Dispensa serata di Autoformazione forme di resistenza e autogestione sui confini

Lunedì 11 aprile si è tenuta in via Tolmezzo una serata di “autoformazione” sulle esperienze di autogestione e di resistenza attuate dalle, e con le, persone bloccate ai confini della cosiddetta Fortezza Europa.
L’incontro è nato dalla nostra necessità di dare della situazione attuale una lettura antiautoritaria e fuori dalla logica dell’assistenzialismo legalitario che produce vittimizzazione, deresponsabilizzazione politica dei governi europei e dei loro “cittadini”, gerarchizzazione delle persone sulla base del colore, del genere e della nazionalità, nonché dinamiche perverse di sedentarizzazione coatta per coloro che hanno richiesto l’asilo e, visto che la protezione umanitaria viene quasi sempre negata, sono di fatto in attesa di diventare “legalmente” passibili di deportazione.

Le immagini che ci mostrano in questi mesi i telegiornali, succedono da anni ovunque là dove l’UE fissa i suoi confini (a partire, ad esempio, da Ceuta e Melilla, ma anche nelle restanti parti del continente africano -quelle che non sono più formalmente colonie per intenderci- se guardiamo a quello che vi combina FRONTEX). Confini che sono dispositivi mobili di produzione di sfruttamento (es. “i trafficanti”), morte (negando viaggi sicuri), violenza poliziesca e repressione.

Una delle forme di lotta agibili da chi è tra le morse di questo meccanismo è quella che mette letteralmente in gioco il corpo e la vita nella sua incolumità: scioperi della fame, mutilazioni, roghi, messe a fuoco. Questi ultimi, purtroppo, non solo dei CIE (come è successo più volte a lampedusa qualche anno fa) ma anche di sé stessi (come è ad esempio avvenuto a Idomeni). Ma il messaggio della democratica e umanitaria UE è: crepate pure.

E allora ci siamo concentrat* su alcuni dei percorsi in atto. Quelli che non cercano di portare assistenzialismo o sovradeterminazione, neanche nel modo di lottare assieme a chi sui confini è bloccat*. E che rifiutano la divisione tra migranti legittim* e illeggittim*. (Ricordandoci, inoltre, che i confini sono ovunque vi sia repressione di chi è amministrativamente irregolare).

Ecco il materiale che ci ha accompagnato nella riflessione:

Continue reading

Posted in Anarchia, Antifascismo, Autogestione, Carcere, General, Internazionalismo, La Zad, No CIE, Repressione, Solidarietà, Traduzioni | Tagged , , | Comments Off on Dispensa serata di Autoformazione forme di resistenza e autogestione sui confini

18/04 Proiezione antifa: ACTA NON VERBA

Vi invitiamo ad una serata antifascista, che pensiamo anche come occasione d’incontro per discutere e pensare assieme nuove pratiche per l’antifascismo (e l’antirazzismo e antisessismo, lo sappiamo bene che le cose son legate) militante..
ANTI APRIL

 

Le parole di presentazione del regista:

“Non è facile spiegare perché e come ho pensato il progetto di questo documentario, e ho esitato a lungo sul modo in cui farlo. All’inizio, Acta non verba è nato da alcune constatazioni: da un lato l’aumentata diffusione delle estreme destre in Europa, il loro rinnovamento teorico e i loro nuovi volti; dall’altro la disfatta della sinistra, il nostro immobilismo e tutto quello che ci estranea dalle realtà del mondo che ci circonda.

Continue reading

Posted in General | Comments Off on 18/04 Proiezione antifa: ACTA NON VERBA

16/04 Presidio contro il 41 bis davanti al carcere di Tolmezzo

Riceviamo e inoltriamo
Presidio contro il 41 bis davanti al carcere di Tolmezzo
sabato 16 aprile dalle 15.30

Cartoncino

Posted in Carcere, Dal territorio, Solidarietà | Tagged , , , , | Comments Off on 16/04 Presidio contro il 41 bis davanti al carcere di Tolmezzo

Cineforum (A)utogestito di mercoledì 13/04

diamantenero

mercoledì 13/04/2016
ore 20.30 si mette in panza qualcosa (di vegan) e massimo alle 21.00 inizio proiezione di

Diamante nero
di Céline Sciamma

“Marieme ha 16 anni. Vive con due sorelle minori e un fratello maggiore che la controlla con atteggiamenti da padrone. La madre, che lavora come donna delle pulizie, è una figura assente dal contesto familiare. La ragazza non ha dei buoni esiti scolastici, ha già ripetuto una classe e non ha prospettive per l’istruzione superiore se non i corsi professionali. Cerca allora (e trova) solidarietà e protezione in un gruppo di coetanee pronte anche a sfide di strada per salvaguardare la loro reputazione di dure.
Dopo l’interessantissimo Tomboy Céline Sciamma torna ad affrontare il tema della ricerca di una propria via nel mondo e di un’identità in quel periodo della vita sempre più difficile che risponde al nome di adolescenza. Lo fa attraverso una banda di ragazze di colore evitando però tutte le scorciatoie e gli stereotipi che il cosiddetto cinema di banlieu ha disseminato sullo schermo nel corso degli anni…

Posted in Antifascismo, Antisessismo, Cineforum, Dal territorio, DIY, Iniziative, Volantini | Tagged , , , , , | Comments Off on Cineforum (A)utogestito di mercoledì 13/04

11/04/2016 – AUTOFORMAZIONE sulle resistenze ai confini

Confini/Migranti/Accampamenti/Sgomberi/ Repressione/Autogestione

Una serata per prendere insieme visione di video(documentari), ascoltare audioreportage, aggiornarci e riflettere insieme sulle esperienze di autogestione e di resistenza attuate dalle, e con le, persone bloccate ai confini di questa dannata FortezzaEuropa.

Ci accompagnerà del materiale proveniente dalla Jungle di Calais, passando per il Presidio Permanente Noborder di Ventimiglia, fino alle frontiere greco/turco/macedone e con gli squat di migranti in Grecia. Ci informeremo e cercheremo di riflettere su come sostenere i percorsi di lotta e di autogestione della vita sui confini, contro la repressione e il governo dell’umanitario.

NO BORDER, NO NATION, STOP DEPORTATION

Posted in Autogestione, Carcere, General, Iniziative, Internazionalismo, La Zad, No CIE, Repressione, Solidarietà, Traduzioni | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Comments Off on 11/04/2016 – AUTOFORMAZIONE sulle resistenze ai confini

VOICES OF ANARCHY

QUI IL PODCAST!

Domenica 3 aprile 2016 i partecipanti all’International Meeting of Anarchist and Anti-authoritarian radios che ha avuto luogo in Germania a Berlino, hanno registrato 4 ore di trasmissione radio. E’ stato coperto un range di discorsi molto ampio visto dalla prospettiva dei movimenti anarchici e anti autoritari. Sono stati presentati progetti locali ed internazionali, gruppi e reti, lotte e attività; affrontati temi di attualità come la situazione dei migranti, annunicata la lista delle prossime manifestazioni, conferenze incontri fiere del libro e tanto altro!

Progetti radio che hanno partecipato:

* A-Radio Berlin (Podcast, Germany)*
* FrequenzA (Podcast, Germany)*
* Črna Luknja (Show, Ljubljana, Slovenia)*
* A-Radio Vienna (Show, Austria)*
* Radio Libertaire (Station, Paris, France)*
* Motbrus (Podcast, Stockholm, Sweden)
* Furia de Radio / Radio Irola Irratia (Show and station, Bilbao, Basque Country, Spain)
* Lucha Libre / Radio Topo (Show and station, Zaragoza, Spain)
* The Final Straw (Show, North Carolina, USA)
* Ex-Worker / CrimethInc (Podcast, USA+international)
* Volver a la tierra (Show, Temuco, Chile)
* Error Involuntario (Show, Concepción, Chile)
* Radiozones of Subversive Expression / 98FM (Show and Station, Athens, Greece)
* 1431AM (Station, Thessaloniki, Greece)
* Radio Parasita (Station, Volos, Greece)
* Radio Psalidi (Station, Rethymno, Greece)
* Radio Revolt (Station, Thessaloniki, Greece)

L’anno scorso (2015) il meeting internazionale delle radio anarchiche e antiautoritarie si è tenuto a Ljubljana, in Slovenia. Qui il programma e le info sull’incontro qui.

Posted in Anarchia, Anarchici e sindacati, Antifascismo, Antimilitarismo, Antisessismo, Archivio digitale, Astensionismo, Autogestione, Carcere, DIY, Internazionalismo, Repressione, Solidarietà, Traduzioni | Tagged , , , | Comments Off on VOICES OF ANARCHY

QUeeR-è-forum Mercoledì 6 aprile: BUT I AM A CHEERLEADER

Con un po’ di ritardo, ma sempre sul pezzo vi segnaliamo che domani ci sarà un nuovo imperdibile appuntamento con il nostro Cineforum a tematica queerosa.

Per motivi tenici di reperibilità in italiano “Porquoi pas” di Coline Serrau, viene spostato a data da destinarsi, al suo posto vi proponiamo:

BUT I AM A CHEERLEADER
di Jamie Babbit (1999)

Posted in Anarchia, Antisessismo, assemblea degenere, Autogestione, Cineforum, DIY, Iniziative | Tagged , | Comments Off on QUeeR-è-forum Mercoledì 6 aprile: BUT I AM A CHEERLEADER

Prossime iniziative di aprile!

Aprile2016_light

Posted in Anarchia, Antifascismo, Antisessismo, assemblea degenere, Autogestione, Cineforum, DIY, Iniziative, Internazionalismo, Solidarietà, Volantini | Tagged , , , , , , , , | Comments Off on Prossime iniziative di aprile!

30/03/2016 – CINEFORUM Promised Land.. craking fracking

30 MARZO

Il film Promised Land, di Gus Van Sant, esplora il tema del fracking negli USA. Il fracking è un metodo di raccolta di gas metano attraverso dei processi di frammentazione idraulica sotterranei. Il film racconta la storia di un paesino che sarebbe destinato a diventare sito di insediamento di pozzi per questa devastante attività, affrontando il tema della lotta al capitalismo nella sua declinazione di industria energetica.

Il fumetto “Cosa è il Fracking e perché le persone sono preoccupate?”, realizzato da Frances Howe assieme al comitato anti-fracking della contea di Somerset, in Inghilterra, presenta il funzionamento del fracking, nonché le conseguenze in termini di salute e di impatto sugli ecosistemi e sui territori. Descrive inoltre la lotta che è stata organizzata in UK per difendere le aree passibili di installazione di questi impianti.

Il fumetto “Le sabbie del Canada”, è il frutto di un reportage che Joe Sacco realizza in una località canadese dove viene estratto petrolio non convenzionale da strati bituminosi di sabbia ed argilla. E’ in Canada infatti che si trova una delle maggiori concentrazioni di queste sabbie bituminose, che costituiscono un nuovo campo di espansione per l’industria energetica. Il fumetto di Sacco esplora le conseguenze ambientali e sociali di tale tipo di produzione.

Posted in Ambiente, Autogestione, Cineforum, comitati | Comments Off on 30/03/2016 – CINEFORUM Promised Land.. craking fracking

23/03/2016 Whoreshop: DIY Fruste & Harness … e consenso

MERCOLEDI 23 MARZO 2016

dalle 20…

vi invitiamo ad un’altra serata a base di sessualità non eteronormata e autoproduzioni

Ci faremo da sol* le nostre fruste e i nostri harness con materiali di recupero, magari chiacchierando di questo oggetto, a volte non ri- (s)conosciuto, che è il consenso.

condivisione di cibarie vegan, forbici, creatività, dubbi e desideri…

23 MARZO 2016 woodman

Posted in Antisessismo, DIY, General, Iniziative, postporno | Comments Off on 23/03/2016 Whoreshop: DIY Fruste & Harness … e consenso

…e ce l’abbiamo fatta… nuovo manifesto di Affinità Libertarie

aCome anticipavamo qui … di seguito il nostro nuovo manifesto collettivo…

Il collettivo Affinità Libertarie nasce nel 2011, da questa definizione che rimane ancora oggi il nostro punto di partenza.

“Affinità libertarie nasce dall’incontro di persone che provengono da comuni esperienze di lotta in Friuli per gli spazi sociali autogestiti, l’antifascismo, l’antirazzismo, l’antisessismo, l’antispecismo e contro le nocività. Partendo da queste caratteristiche l’intento è quello di creare uno spazio di comunicazione, riflessione ed azione antiautoritaria operando in maniera orizzontale, inclusiva e aperta al confronto.”

La scelta di chiamarci “Affinità” non è stata casuale. Riteniamo che le persone debbano tendenzialmente associarsi per similitudine. Con questo non vogliamo dire che nel nostro collettivo tutt* debbano pensare allo stesso modo o debbano essere interessat* alle stesse cose, anzi, ma che devono esserci delle basi condivise, un minimo comune denominatore tra tutte le persone e che noi abbiamo individuato nel pensiero anarchico e nel metodo libertario. Per questo ci siamo associat* tra noi e non con altr*.

Essere un ennesimo collettivo in una città frammentata, come si sente spesso dire, non è un difetto, né questione di essere settari/e.. Ci piace più pensare che la biodiversità sia sempre un arricchimento anche in questo campo, nella lotta e nella produzione del pensiero politico.

Nel 2012, sentendo l’esigenza di uscire dalle case in cui ci incontravamo e di riunirci in uno spazio che fosse politico, abbiamo aperto una sede in via Tolmezzo 87 per mettere in pratica le nostre istanze e l’autogestione.

Grazie a questi tre anni di iniziative, incontri di controinformazione e serate di socialità, il collettivo si è arricchito di persone provenienti da altri percorsi, da qui la necessità di ampliare la definizione di partenza tramite una discussione sui limiti e i pregi delle esperienze fatte fino ad ora insieme. In questi anni di pratica autogestionaria abbiamo capito che non basta l’intenzione per vivere concretamente un’esperienza libertaria. Non siamo infatti stat* immuni da meccanismi di delega, tendenze autoritarie, difficoltà a confrontarci e discutere… La necessità di fermarci a riflettere su questo magma di dinamiche è un passo fondamentale per la costruzione di una reale pratica orizzontale e il proseguio della nostra esperienza.

Chi siamo oggi? Le istanze di base non sono cambiate.

Siamo un collettivo libertario cui preme costruire relazioni orizzontali e praticare l’autogestione.

Ci troviamo in un periodo storico in cui la socialità è delegata ai social network, la discussione viene mediata da uno schermo e si riduce ad un’affermazione senza condivisone di pensieri e pratiche, dove regna l’individualizzazione e l’esibizione del singolo individuo a scapito di obiettivi e processi collettivi; in una società in cui ogni momento e occasione di incontro reale, che sfugge al consumo, viene duramente represso dallo Stato o incanalato in modalità innocue per la conservazione dello status quo.

Veniamo forzat* a rivolgerci alle istituzioni (come la famiglia, il lavoro salariato, il commercio, la psichiatria, la chiesa… ) per la nostra sopravvivenza, a mendicare le briciole di quelli che dovrebbero essere diritti base delle persone. Ci dicono come dobbiamo essere, cosa dobbiamo desiderare e come, secondo un determinato orizzonte normativo, quello della dipendenza e della delega, pena l’esclusione sociale quindi l’isolamento o la repressione e ce lo dipingono come l’unico mondo possibile. Noi sappiamo che non è vero grazie alla nostra piccola esperienza, per quanto imperfetta, e a tutte le persone che sono venute a trovarci per raccontarci la loro storia autogestionaria o di lotta.

Cosa vogliamo?

Abbiamo bisogno di trovare soluzioni radicalmente altre: il collettivo è la dimensione, lo spazio autogestito è il luogo fisico in cui pensarle e metterle in pratica.

Aprire una sede in affitto in Via Tolmezzo è solo un punto di partenza, ma non è il nostro obiettivo finale ossia uno spazio nostro, liberato senza compromessi e/o escamotage.

In questo momento stiamo sperimentando in piccolo quello che ci piacerebbe realizzare in futuro: diversi modi di organizzare concretamente la nostra esistenza e di vivere le relazioni.

Vogliamo dare a più persone possibili l’opportunità di autorganizzarsi anche solo in qualche aspetto della propria vita, per provare l’esperienza di poter fare tranquillamente a meno di capi, gerarchie, presidenti, responsabili…

Vorremmo che le persone prendessero l’abitudine a non delegare all’autorità e che dalla nostra stanza potessimo, più avanti, andare a fare le nostre attività in una più grande, in tant* e che magari nascessero altri posti per iniziativa di altre persone.

Via Tolmezzo è un cosiddetto “safer space” ovvero un luogo:

– libero da discriminazioni, autoritarismi, gerarchie e pregiudizi dove le persone possono sentirsi libere dalle oppressioni quotidiane e ci piacerebbe che chi partecipa si impegnasse in questo senso.

-lontano dalle logiche della socialità commerciale che esclude chi non ha certi privilegi economici: non ci sono clienti né consumatori/trici ma tutt* vengono coinvolt* nella gestione e nella riuscita della serata.

– lontano dalle logiche di sfruttamento di ogni essere vivente umano e non umano; per questa ragione i nostri buffet sono sempre vegan.

– di controinformazione: abbiamo fatto iniziative pubbliche su antisessismo, gender, consapevolezza dei media, linux, no tav, repressione, culture e popoli oppressi, laboratori diy, cineforum, astensionismo, lotte per l’ambiente, educazione libertaria, anarcoqueer, etc. Abbiamo anche un archivio digitale di materiale di controinformazione a disposizione di chiunque voglia consultarlo e ampliarlo.

…Un punto di incontro di persone che vogliono liberare energie per costruire assieme alternative, punti di resistenza, semi di creatività. Ci piacerebbe che l’autogestione diventasse l’esigenza di più persone possibile e che tutt* la sperimentassero.

 

 

Posted in Anarchia, Antifascismo, Antisessismo, Autogestione | Tagged , , , , | Comments Off on …e ce l’abbiamo fatta… nuovo manifesto di Affinità Libertarie

QUEER-E’-FORUM amori liberi e liberanti 14/02

Tremate tremate… le Queere son tornate!

1402416683534

Invitiamo tutte le persone, single in coppia, in triglia o quadriglia etc, critiche verso normatività relazionale e narrazioni tossiche sull’amore a partecipare con entusiasmo


domenica 14 febbraio 2015
dalle 17.00
in via Tolmezzo 87
a Udine
al

Queer-è-forum

Primo di una serie di appuntamenti più o meno galanti e occasionali con il cineforum queeroso, amori liberi, postporni più liberi, libere più postporne, libertà amorosa, spariglia la famiglia e buffet affrocisiaci vegan per tutt* i palat*.

Pulizia dell’aura dai riti valentineschi con breve introduzione alla raccolta di scritti curata dall’ Assemblea Degenere nella primavera del 2015:

L’amore una questione privata?
Di desideri libertari, amori liberanti, relazioni erotico-affettuose e complicità

Allineamento dei chakra contro le convenzioni di coppia con visione del film

Una casa alla fine del mondo
un film di Michael Mayer tratto dall’0monimo romanzo di Michael Cunningham

A seguire

Buffet Detox(x)x
Stuzzic-ani vegan, frice di patacis, pene e olive e l’inguine all’arrappata
bevande “spriz and squirt”

Distro con casta scelta di regali romantici BDSM Crtl Alt+canc

Posted in Anarchia, Antisessismo, assemblea degenere, Autogestione, Cineforum, Dal territorio, DIY, Iniziative, LesCostumizzed, pubblicazioni, Volantini | Tagged , , , , , , , , , , , | Comments Off on QUEER-E’-FORUM amori liberi e liberanti 14/02

Ci stiamo lavorando…


Da più di un mese Affinità Libertarie, che ve ne siate accort* o no, si è preso una pausa di riflessione.
Dopo quasi cinque anni dalla nascita del collettivo e tre anni e passa di autogestione di via Tolmezzo 87 abbiamo sentito la necessità di fare il punto della situazione.

Esigenza di realizzare praticamente l’autogestione e metodologia libertaria ci hanno fatto incontrare. Abbiamo sperimentato, superato difficoltà più o meno bene, siamo cresciut* personalmente e collettivamente.
Adesso, con nuova consapevolezza e maggiori strumenti, sentiamo necessità di arricchire la definizione di partenza di questo collettivo.

Abbiamo un bagaglio di esperienze accumulate e, come ad ogni cambio di stagione, necessitiamo del tempo per valutare gli abiti che non ci entrano più, quelli che non desideriamo più tenere e quelli, invece, che ci cadono bene e, anzi, ci rendono proprio figh*!

Mandi!

Posted in General | Comments Off on Ci stiamo lavorando…

SOLIDARIETA’ A KABU

SOLIDARIETA’ AL COMPAGNO KABU e ALLE ALTR* COMPAGNE E COMPAGNI COLPIT* DALLA REPRESSIONE!11-04-16-belarus-antirep

Ondata repressiva a Udine nelle ultime ore, denunce a catinelle per degli anarchici, una per contestazione a casa pound e l’arresto di un altro compagno per violazione del foglio di via e resistenza a pubblico ufficiale.
Questo il trend dei questori italiani, quello di Udine in primis, che applicano sempre più dispositivi repressivi arbitrari e terroristi, ereditati dal fascismo sulle vite di chi diserta e lotta, forse pensando in questo modo di indebolire i percorsi di lotta collettivi accanendosi su singol* per depotenziarl*, ma il gioco non funziona la solidarietà non si incrina e l’isolamenteo non si produce!
Non accettiamo la violenza dello stato che pretende di deportare una persona via dai suoi affetti, dai suoi compagni, dalla sua vita e come già detto altrove sempre a fianco di chi spezza le catene e lotta per la libertà.

MASSIMA SOLIDARIETA’
A CHI SPEZZA LE CATENE E A CHI SI RIBELLA, SEMPRE.

Aggiornamenti QUI
nostri post precedenti QUI

Posted in General | Comments Off on SOLIDARIETA’ A KABU

UDINE 9 dicembre: Il Movimento Anarchico nella Resistenza

Mercoledì 9 dicembre alle ore 21 nella nostra sede in via Tolmezzo 87 a Udine
incontro su “Il Movimento Anarchico nella Resistenza”

ore 20.00 Buffet vegan

Partendo dal video realizzato dal Centro Studi Libertari “Giuseppe Pinelli” di Milano  e sulla base di recenti ricerche (come “Per la Rivoluzione Sociale. Gli Anarchici nella Resistenza a Milano 1943-1945” di M. De Agostini e F. Schirone, ZIC, 2015)

resistenza sconosciutaricostruiremo la battaglia del movimento anarchico contro il fascismo: una lotta che comincia a svilupparsi fin dalla nascita del movimento mussoliniano, prosegue lungo tutto il ventennio, si dispiega con la Resistenza e continua oggi.

Per le/gli anarchiche/i l’antifascismo costituisce solo un momento particolare della lotta rivoluzionaria contro ogni forma di oppressione, per la creazione di una società di persone libere ed in grado di autodeterminarsi.

Posted in Anarchia, Antifascismo, Iniziative | Tagged | Comments Off on UDINE 9 dicembre: Il Movimento Anarchico nella Resistenza