Solidarietà contro la repressione sab 23/07

croppSabato 23 luglio alle 17 a Trieste in piazza Ortis ci sarà un presidio in solidarietà ad un compagno anarchico costretto ai domiciliari in città (ma in generale a tutte le persone colpite dalla repressione).

Oltre alla nostra solidarietà espressa in svariate occasioni, inoltriamo questo appello alla partecipazione per far sentire ai/alle nostre/i compagn* che siamo con loro e più in generale per non prestarci al gioco di chi vuole isolare chi alza la testa.

Ci vediamo a Trieste.

Qui la chiamata al presidio dal blog di alcunianarchici!

Posted in Anarchia, Carcere, Dal territorio, Solidarietà, solidarietà anticarceraria | Tagged , | Comments Off on Solidarietà contro la repressione sab 23/07

Queer?

Testo del volantino che abbiamo distribuito all’ (A)QUEERITIVO

Queer

Che origine ha il termine queer?

Da http://www.archivioqueeritalia.com/about/queer/

Etimologicamente, le radici del termine inglese
queer possono essere rintracciate nel tedesco quer, a sua volta derivante dal latino torquere: il significato originario corrisponde quindi a “diagonale, obliquo” e si oppone perciò a quel che si presenta come “dritto” (in inglese straight). Nel XVI secolo viene utilizzato come aggettivo indicante una persona dallo stile di vita eccentrico, con il significato di “strano, inusuale, deviato, perverso”. Nel XIX secolo, l’aggettivo assume infine un’accezione denigratoria, divenendo un insulto rivolto alle persone omosessuali, soprattutto di sesso maschile, traducibile in italiano con “checca” o “frocio”.

Tra la seconda metà degli anni ‘80 e gli inizi degli anni ’90 (nel periodo della crisi dell’AIDS), negli Stati Uniti la parola queer venne ulteriormente ridefinita, diventando uno strumento di autodeterminazione. Oggi chi si auto-definisce queer si presenta come soggetto eccentrico, che senza cercare di redimere la propria abiezione rivendica la libertà di praticare sesso e genere al di fuori delle norme della morale tradizionale.

La riappropriazione della parola queer avvenne allo stesso tempo ad opera dell’attivismo politico e della teoria accademica, con lo scopo di mettere in discussione non solo discorsi patriarcali ed eteronormativi, ma anche le tendenze assimilazioniste di alcuni movimenti gay e lesbici. A essere contestata è stata in particolare una concezione rigidamente binaria dell’identità sessuale, incapace di cogliere le sfumature esistenti tra il maschile e il femminile e le fluttuazioni del desiderio possibili tra eterosessualità e omosessualità.

Termine ombrello

Da quando è entrato in uso, il termine queer è stato un termine fluttuante, ma non per questo privo di significati contestualmente condivisi. Se, da un lato, la portata rivoluzionaria delle prospettive teoriche queer ha corroso dall’interno categorie d’identità stabili, dall’altro, il ricorso al queer come aggettivo per pratiche di militanza radicali diviene sempre più potente e diffuso.

Queer può essere oggi considerato un “termine ombrello” rivolto a tutte le sessualità considerate dissidenti, a quelle soggettività le cui pratiche sociali e di pensiero si discostano da quelle convenzionali, e a quelle il cui genere si situa al di fuori del consueto ordine d’intelligibilità. Il termine queer è stato per questo riabilitato da e per tutt* coloro che si oppongono a una socialità eteronormativa e normalizzata (come gay, lesbiche, bisessuali, intersessuali, transessuali e transgender, soggetti BDSM e kinky, persone asessuali o poliamorose).

Nonostante il termine queer sia inclusivo di diverse soggettività legate al sesso, al genere e all’orientamento sessuale, esso apre quindi a un ulteriore sguardo critico verso qualsiasi altra categoria identitaria stabile. L’azione politica queer si basa infatti su alleanze identificative, piuttosto che su identificazioni imposte e s’interseca con altri assi di oppressione oltre a quelli legati a sesso, genere e orientamento sessuale, come – tra gli altri – l’etnicità, la nazionalità, la classe sociale, la disabilità, la malattia o l’età.

Forte è, ad esempio, la critica corrosiva rivolta all’assimilazione di soggetti gay, lesbiche e trans* in logiche neo-liberaliste che focalizzano i propri obiettivi sul raggiungimento di libertà individuali (come matrimonio, adozione, inclusione nelle forze armate o in circuiti commerciali gay) piuttosto che la messa in discussione di oppressioni sistemiche razzializzate, sessualizzate e di classe.

Questo uso di queer come termine ombrello ha assunto particolare rilevanza nell’attivismo italiano degli ultimi anni. Alcuni gruppi radicali contestano però che, non venendo tradotto, esso perda la violenza semantica che lo caratterizza in contesto anglofono. Per questo si sceglie talvolta di utilizzare al suo posto lemmi analoghi della lingua italiana: non soltanto “frocio/frocia”, ma anche “puttana”.

Posted in Anarchia, Antisessismo, assemblea degenere, Autogestione, Iniziative, Volantini | Tagged , | Comments Off on Queer?

Solidarietà e complicità

Apprendiamo dal blog di alcunianarchici  QUI ( link in cui c’è tutto il riassunto della vicenda, fatti ,condanne e assoluzioni) che il compagno Kabu dovrà scontare 8 mesi di domiciliari a Trieste perchè condannato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.
Oggi come allora (se non ricordate, andate a leggervi cosa è successo!!!) e durante tutto questo accanimento repressivo in particolare contro di lui , rimaniamo al suo fianco e a quello di chi lotta contro la repressione, solidali e complici.

Posted in Anarchia, Carcere, Dal territorio, Lotta anticarceraria, Repressione, Solidarietà | Tagged , , , | Comments Off on Solidarietà e complicità

CineRivoluzioneCult: Eat the Rich 15/06

Untitled-1

eat-the-rich-front

Il prossimo Cineforum (A)utogestito torna “cult”. Questa volta per affrontare il tema della ribellione in tutte le sue sfumature, anche quelle del grottesco e per sorridere con acume, abbiamo scelto una black comedy in pieno stile britannico… Cast di eccezione, che vede tra i protagonisti anche Lemmy dei Motorhead di cui è anche l’intera colonna sonora… stiamo parlando di….

EAT THE RICH
di Peter Richardson (1987)
v.o con sottotitoli in italiano!
MERCOLEDì 15 GIUGNO 2016
ore 20.00 spuntino vegan introduttivo 😉
a seguire (21.00 circa) proiezione del film

Alex lavora come cameriere al “Bastards”, ristorante d’alta classe per borghesi e ricconi, con la puzza sotto il naso. Saturo e disgustato da queste “persone” comincia a diventare intollerante e maleducato con la clientela e viene licenziato. Finito in mezzo alla strada rapina l’ufficio di sussistenza e si dà alla fuga con i suoi nuovi amici.
Parallelamente Nosher Powell, ministro degli Interni, un tamarro razzista stile “leghismo celodurista” (solo in versione british) che risolve tutto a cazzotti, diventa sempre più popolare e ben voluto da elettorato e stampa e per questo motivo segretamente osteggiato da controspionaggio e KGB che tentano di farlo cadere in svariate trappole…
Nel frattempo Alex assemblato un gruppo di affini nello spirito anarchico, torna al Bastards per completare (o iniziare) il suo piano, ma si sa, la vendetta è un piatto servito freddo…

Posted in Anarchia, Autogestione, Cineforum, DIY, General, Iniziative | Tagged , , , , , | Comments Off on CineRivoluzioneCult: Eat the Rich 15/06

SOLIDARITY WITH ROG, Ljubljana

Il 6 giugno il centro sociale Rog a Ljubljana ha subito un tentativo di sgombero, prontamente respinto da occupanti e solidali con i/le quali solidarizziamo.
Ljubljana è stata già pesantemente modificata in questi anni dai processi di gentrificazione che hanno visto la trasformazione del centro città in un luogo per turisti danarosi. Il progetto del governo sloveno sarebbe quello di estendere questa area d’elite lungo la Ljubljanica, fiume cittadino, e arrivare quindi ad interessare anche l’area in cui sorge l’ex fabbrica occupata Rog.

Qualche info in italiano QUI

I compagni e le compagne, che stanno resistendo con i loro corpi e le barricate per impedire alla società costruttrice di insediare il cantiere, lanciano un appello alla solidarietà e ad unirsi a loro.

ALLA GENTRIFICAZIONE opponiamo RESISTENZA E AUTOGESTIONE

SOLIDARITY WITH THE COMRADES FROM ROG IN LJUBLJANA, WHO ARE DEFENDING RIGHT NOW THEIR SQUAT WITH THEIR BODIES AND BARRICADES.
FUCK GENTRIFICATION!

ROG NE DAMO!

Posted in Anarchia, Autogestione, General, Internazionalismo, Repressione, Solidarietà | Tagged , , , | Comments Off on SOLIDARITY WITH ROG, Ljubljana

(A)QUEERITIVO!

Ma che è sto anarco-queer?
Perchè parlate tanto di relazioni consenso, sessualità e generi?
Che c’è di politico nel porno?

Vi invitiamo a scoprirlo sabato 11 ore 18.30 in via Tolmezzo 87 a Udine, ad un momento di socialità autogestita e non normata che abbiamo chiamato
(A)queeritivo!

sotto il menù indecoroso e libero studiato per l’occasione… senza sfruttamento animale!sussurriegrida-1

Posted in Anarchia, Antisessismo, assemblea degenere, Autogestione, DIY, Iniziative, postporno, Volantini | Tagged , , , | Comments Off on (A)QUEERITIVO!

Terzo appuntamento con i film di Céline Sciamma: mercoledì 25/05

a2482b1293a9557a5951cc4ba6c32ae04d0a1277-700

Cineforum (A)utogestito mercoledì 25 maggio

ore 20.00 convivialità vegan
a seguire
proiezione di
NAISSANCE DES PIEUVRES (Water Lilies)
di Céline Sciamma
(in lingua originale con sottotitoli in italiano)

Un film tira l’altro come le ciliegie.
Non era nostra intenzione, almeno all’inizio, fare una rassegna monografica, ma è successo.
Per Céline Sciamma è stato un colpo di fulmine. Punto.
Con tocco delicato e mai patetico ci ha presentato il difficile passaggio tra infanzia-adolescenza-età adulta, raccontandoci le storie di persone in divenire, in trasformazione, che si scontrano con la VIOLENZA (quella vera) della società, della cultura dominante, della normatività, dei ruoli sociali.

Diamante nero (2014) ma meglio il titolo originale, Bande de filles- è la storia di una giovane donna che cerca una via di fuga alla predeterminazione della propria esistenza, come donna e come figlia della banlieue, e al “controllo” patriarcale (famigliare e sociale), trovandola in una “gang” di ragazze. Il contesto/contenitore è quello della banlieue parigina che, diversamente da altra cinematografia, non viene spettacolarizzata, né resa la protagonista, ma emerge come un crudo e reale background, con le sue proprie regole.

Tomboy (2011), invece, parla di altre vie di fuga, quelle per cercare una propria rappresentazione del sé. Laure decide di socializzarsi come un bambino ai nuovi amici e amiche del quartiere in cui si è appena trasferit*. Tra spensierati giochi a palla, tuffi in mare e la nascita del primo amore, seguiamo il suo percorso di trasformazione e siamo portat* a farlo con un senso di ansia latente, non tanto perchè ci sia un “segreto” da scoprire, ma perchè, in fin dei conti, SAPPIAMO cosa si nasconde dietro l’angolo, quello che succede a chi sfugge alla norma in questa società.

Infine, terzo ed ultimo appuntamento con i film di Sciamma, è il suo primo lungometraggio Naissance des pieuvres (2007) –uscito in inglese come Water Lilies, ma La nascita delle piovre traducendolo in italiano-.  L’argomento centrale è la sessualità in età adolescenziale, declinata come formazione di un desiderio che diverge dalla convenzione sociale. Così l’attrazione viene letta nella sua complessità: la costruzione socio-culturale e politica dell’età, dei canoni estetici, delle identità sessuali. Il film non si limita soltanto a porre il problema dell’incasellamento nell’omosessualità/eterosessualità/bisessualità, ma abbraccia in senso più generale il tema della normazione del desiderio. 

Insomma, Sciamma ci descrive il momento in cui la potenzialità dell’individuo è al massimo e viene limitata e castrata violentemente dalla normatività sociale e culturale che appare come una nota stonata, ma con la quale, invece, siamo abituat* a convivere quotidianamente.

Ci mostra quanto male faccia la socializzazione violenta all'(etero)sessismo, in cui siamo stat* immers* sin da bambin*, nonché quanto sia feroce l’esclusione sociale per chi devia e non corrisponde ai canoni, ancor più per chi è nat* in un quartiere di frontiera -reso nemico sociale e bacino di sfruttamento-.

Ma i film di Sciamma sono anche un’intensa educazione sentimentale, che illumina la potenza delle complicità, delle alleanze, delle relazioni di affinità che possiamo creare contro questi regimi sociali, che indica alcune vie in cui il “personale” -che personale non è-, il desiderio si fa propriamente sovversione.

 

Posted in Antisessismo, Cineforum, DIY, General, Iniziative | Tagged , , , , , , | Comments Off on Terzo appuntamento con i film di Céline Sciamma: mercoledì 25/05

Abbattere le frontiere, al Brennero e ovunque…

111111333334444Solidarietà alle e ai compagn* condannat* oggi per aver cercato di abbattere la frontiera al Brennero.

Né frontiere, né galere!

No border, no nation, stop deportation!

Posted in Anarchia, Lotta anticarceraria, Repressione, Solidarietà | Tagged , , | Comments Off on Abbattere le frontiere, al Brennero e ovunque…

Queer-è-forum di mercoledì 11/05: TOMBOY

Nuovo appuntamento con il QUEER-è-FORUM in via Tolmezzo 87

MERCOLEDì 11 MAGGIO
ore 20.00 convivialità vegan
a seguire proiezione di
TOMBOY
di Céline Sciamma

Con Tomboy siamo invitat* a riflettere su cosa significhi vivere l’aspetto soffocante di una società che non distingue sesso e genere e che vuole continuare ad ignorare le esigenze, sentimenti ed esperienze dell’individuo impedendo a chiunque di esprimere la propria identità liberamente. Non solo: è anche un ottimo spunto di partenza per iniziare a ripensare il nostro modo di porci con le/gli altr*. Quando ci rivolgiamo ad una persona diamo per scontato il suo genere di appartenenza? Le sue preferenze sessuali? Stiamo ascoltando la persona o gli stereotipi su di essa? Parliamone assieme dopo il film…

Trama: Laure, dieci anni, insieme ai genitori e alla sorella Jeanne si trasferisce durante le vacanze estive. La mamma è incinta del terzo figlio (un maschio) e il padre è impegnato al lavoro. La bambina approfitta della distrazione degli adulti per prendere una decisione: nel nuovo ambiente si farà credere un maschio. E’ come Michael che farà le prime amicizie e, in particolare, attirerà l’attenzione di Lisa che finirà con l’innamorarsi del nuovo arrivato con il quale scambierà qualche bacio e momenti mano nella mano. Fino a quando potrà durare questa situazione? Céline Sciamma torna ad affrontare, dopo Water Lilies, le tematiche della scoperta della sessualità spostando però l’attenzione dalla fase adolescenziale a quella preadolescenziale. Trova in Zoé Héran l’interprete adatta per rappresentare, con la giusta dose di innocenza mista a un bisogno di esplorare, il cammino estivo di Laure. Sciamma osserva il microcosmo dei bambini con tenerezza e acume ma senza facili semplificazioni. Maschi e femmine in formazione non sono quegli esseri asessuati che gli adulti vorrebbero che fossero. Natura e società impongono le loro leggi e, in particolare la società, i loro modelli con cui confrontarsi e scontrarsi. Perché spesso sono più legati a stereotipi che a veri bisogni. Così Laure mentre decide di trasgredire facendosi passare per maschio finisce inconsciamente per aderire a quelle che ritiene debbano essere necessariamente le caratteristiche dell’altro sesso. Céline Sciamma, nel descrivere Laure, va oltre quella che avrebbe potuto costituire la gabbia episodica di un racconto di travestimento infantile e lascia lo spettatore con domande più ampie intorno alla definizione della sessualità propria di ogni individuo. In definitiva spetta a noi decidere se quell’estate sarà solo una parentesi nella vita della bambina oppure se ne segnerà il futuro.

 

 

Posted in Antisessismo, Cineforum, Iniziative | Tagged , , , | Comments Off on Queer-è-forum di mercoledì 11/05: TOMBOY

ANARH – 7 E 8 MAGGIO @INDE A kOPER

Ci vediamo con la nostra distro alla tradizionale fiera del libro anarchico che quest’anno avrà luogo sul litorale sloveno a Koper presso lo squat Inde!
Incontri e discussioni sull’autonomia, la repressione e la risposta anarchica alle sfide del mondo moderno, libri, riviste, fanzine, dischi e bella gente.


sabato 7 maggio dalle 12.00 – domenica 8 maggio 18.00

Posted in Anarchia, Antifascismo, Antimilitarismo, Antisessismo, Archivio digitale, Astensionismo, Autogestione, Carcere, Dal territorio, DIY, Downloads, General, Iniziative, Internazionalismo, LesCostumizzed, Lotta anticarceraria, music(a), Net-Attivismo, No CIE, No Nucleare, No TAV, postporno, pubblicazioni, Repressione, Solidarietà, Traduzioni, Volantini | Tagged , , , , | Comments Off on ANARH – 7 E 8 MAGGIO @INDE A kOPER

Udine: Condanna per Antifascismo…

indexSOLIDARIETA’ ANTIFA!

Apprendiamo che alcun* compagn* sono stat* condannat* pesantemente (info qui), per aver contestato lo spettacolo sulle foibe di Simone Cristicchi un anno fa a Udine .

Noi stiamo con loro, con chi lotta contro il fascismo, partigiane e partigiani sempre!

Sulle pagine di giap dei wu ming, un testo che spiega con dovizia di fatti perché lo spettacolo di Cristicchi sia fascista. 

Qui invece il volantino che era stato distribuito in quella serata di aprile in cui Cristicchi è stato contestato.

 

 

 

Posted in Antifascismo, Repressione, Solidarietà | Tagged , , | Comments Off on Udine: Condanna per Antifascismo…

Dispensa serata di Autoformazione forme di resistenza e autogestione sui confini

Lunedì 11 aprile si è tenuta in via Tolmezzo una serata di “autoformazione” sulle esperienze di autogestione e di resistenza attuate dalle, e con le, persone bloccate ai confini della cosiddetta Fortezza Europa.
L’incontro è nato dalla nostra necessità di dare della situazione attuale una lettura antiautoritaria e fuori dalla logica dell’assistenzialismo legalitario che produce vittimizzazione, deresponsabilizzazione politica dei governi europei e dei loro “cittadini”, gerarchizzazione delle persone sulla base del colore, del genere e della nazionalità, nonché dinamiche perverse di sedentarizzazione coatta per coloro che hanno richiesto l’asilo e, visto che la protezione umanitaria viene quasi sempre negata, sono di fatto in attesa di diventare “legalmente” passibili di deportazione.

Le immagini che ci mostrano in questi mesi i telegiornali, succedono da anni ovunque là dove l’UE fissa i suoi confini (a partire, ad esempio, da Ceuta e Melilla, ma anche nelle restanti parti del continente africano -quelle che non sono più formalmente colonie per intenderci- se guardiamo a quello che vi combina FRONTEX). Confini che sono dispositivi mobili di produzione di sfruttamento (es. “i trafficanti”), morte (negando viaggi sicuri), violenza poliziesca e repressione.

Una delle forme di lotta agibili da chi è tra le morse di questo meccanismo è quella che mette letteralmente in gioco il corpo e la vita nella sua incolumità: scioperi della fame, mutilazioni, roghi, messe a fuoco. Questi ultimi, purtroppo, non solo dei CIE (come è successo più volte a lampedusa qualche anno fa) ma anche di sé stessi (come è ad esempio avvenuto a Idomeni). Ma il messaggio della democratica e umanitaria UE è: crepate pure.

E allora ci siamo concentrat* su alcuni dei percorsi in atto. Quelli che non cercano di portare assistenzialismo o sovradeterminazione, neanche nel modo di lottare assieme a chi sui confini è bloccat*. E che rifiutano la divisione tra migranti legittim* e illeggittim*. (Ricordandoci, inoltre, che i confini sono ovunque vi sia repressione di chi è amministrativamente irregolare).

Ecco il materiale che ci ha accompagnato nella riflessione:

Continue reading

Posted in Anarchia, Antifascismo, Autogestione, Carcere, General, Internazionalismo, La Zad, No CIE, Repressione, Solidarietà, Traduzioni | Tagged , , | Comments Off on Dispensa serata di Autoformazione forme di resistenza e autogestione sui confini

18/04 Proiezione antifa: ACTA NON VERBA

Vi invitiamo ad una serata antifascista, che pensiamo anche come occasione d’incontro per discutere e pensare assieme nuove pratiche per l’antifascismo (e l’antirazzismo e antisessismo, lo sappiamo bene che le cose son legate) militante..
ANTI APRIL

 

Le parole di presentazione del regista:

“Non è facile spiegare perché e come ho pensato il progetto di questo documentario, e ho esitato a lungo sul modo in cui farlo. All’inizio, Acta non verba è nato da alcune constatazioni: da un lato l’aumentata diffusione delle estreme destre in Europa, il loro rinnovamento teorico e i loro nuovi volti; dall’altro la disfatta della sinistra, il nostro immobilismo e tutto quello che ci estranea dalle realtà del mondo che ci circonda.

Continue reading

Posted in General | Comments Off on 18/04 Proiezione antifa: ACTA NON VERBA

16/04 Presidio contro il 41 bis davanti al carcere di Tolmezzo

Riceviamo e inoltriamo
Presidio contro il 41 bis davanti al carcere di Tolmezzo
sabato 16 aprile dalle 15.30

Cartoncino

Posted in Carcere, Dal territorio, Solidarietà | Tagged , , , , | Comments Off on 16/04 Presidio contro il 41 bis davanti al carcere di Tolmezzo

Cineforum (A)utogestito di mercoledì 13/04

diamantenero

mercoledì 13/04/2016
ore 20.30 si mette in panza qualcosa (di vegan) e massimo alle 21.00 inizio proiezione di

Diamante nero
di Céline Sciamma

“Marieme ha 16 anni. Vive con due sorelle minori e un fratello maggiore che la controlla con atteggiamenti da padrone. La madre, che lavora come donna delle pulizie, è una figura assente dal contesto familiare. La ragazza non ha dei buoni esiti scolastici, ha già ripetuto una classe e non ha prospettive per l’istruzione superiore se non i corsi professionali. Cerca allora (e trova) solidarietà e protezione in un gruppo di coetanee pronte anche a sfide di strada per salvaguardare la loro reputazione di dure.
Dopo l’interessantissimo Tomboy Céline Sciamma torna ad affrontare il tema della ricerca di una propria via nel mondo e di un’identità in quel periodo della vita sempre più difficile che risponde al nome di adolescenza. Lo fa attraverso una banda di ragazze di colore evitando però tutte le scorciatoie e gli stereotipi che il cosiddetto cinema di banlieu ha disseminato sullo schermo nel corso degli anni…

Posted in Antifascismo, Antisessismo, Cineforum, Dal territorio, DIY, Iniziative, Volantini | Tagged , , , , , | Comments Off on Cineforum (A)utogestito di mercoledì 13/04

11/04/2016 – AUTOFORMAZIONE sulle resistenze ai confini

Confini/Migranti/Accampamenti/Sgomberi/ Repressione/Autogestione

Una serata per prendere insieme visione di video(documentari), ascoltare audioreportage, aggiornarci e riflettere insieme sulle esperienze di autogestione e di resistenza attuate dalle, e con le, persone bloccate ai confini di questa dannata FortezzaEuropa.

Ci accompagnerà del materiale proveniente dalla Jungle di Calais, passando per il Presidio Permanente Noborder di Ventimiglia, fino alle frontiere greco/turco/macedone e con gli squat di migranti in Grecia. Ci informeremo e cercheremo di riflettere su come sostenere i percorsi di lotta e di autogestione della vita sui confini, contro la repressione e il governo dell’umanitario.

NO BORDER, NO NATION, STOP DEPORTATION

Posted in Autogestione, Carcere, General, Iniziative, Internazionalismo, La Zad, No CIE, Repressione, Solidarietà, Traduzioni | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Comments Off on 11/04/2016 – AUTOFORMAZIONE sulle resistenze ai confini

VOICES OF ANARCHY

QUI IL PODCAST!

Domenica 3 aprile 2016 i partecipanti all’International Meeting of Anarchist and Anti-authoritarian radios che ha avuto luogo in Germania a Berlino, hanno registrato 4 ore di trasmissione radio. E’ stato coperto un range di discorsi molto ampio visto dalla prospettiva dei movimenti anarchici e anti autoritari. Sono stati presentati progetti locali ed internazionali, gruppi e reti, lotte e attività; affrontati temi di attualità come la situazione dei migranti, annunicata la lista delle prossime manifestazioni, conferenze incontri fiere del libro e tanto altro!

Progetti radio che hanno partecipato:

* A-Radio Berlin (Podcast, Germany)*
* FrequenzA (Podcast, Germany)*
* Črna Luknja (Show, Ljubljana, Slovenia)*
* A-Radio Vienna (Show, Austria)*
* Radio Libertaire (Station, Paris, France)*
* Motbrus (Podcast, Stockholm, Sweden)
* Furia de Radio / Radio Irola Irratia (Show and station, Bilbao, Basque Country, Spain)
* Lucha Libre / Radio Topo (Show and station, Zaragoza, Spain)
* The Final Straw (Show, North Carolina, USA)
* Ex-Worker / CrimethInc (Podcast, USA+international)
* Volver a la tierra (Show, Temuco, Chile)
* Error Involuntario (Show, Concepción, Chile)
* Radiozones of Subversive Expression / 98FM (Show and Station, Athens, Greece)
* 1431AM (Station, Thessaloniki, Greece)
* Radio Parasita (Station, Volos, Greece)
* Radio Psalidi (Station, Rethymno, Greece)
* Radio Revolt (Station, Thessaloniki, Greece)

L’anno scorso (2015) il meeting internazionale delle radio anarchiche e antiautoritarie si è tenuto a Ljubljana, in Slovenia. Qui il programma e le info sull’incontro qui.

Posted in Anarchia, Anarchici e sindacati, Antifascismo, Antimilitarismo, Antisessismo, Archivio digitale, Astensionismo, Autogestione, Carcere, DIY, Internazionalismo, Repressione, Solidarietà, Traduzioni | Tagged , , , | Comments Off on VOICES OF ANARCHY

QUeeR-è-forum Mercoledì 6 aprile: BUT I AM A CHEERLEADER

Con un po’ di ritardo, ma sempre sul pezzo vi segnaliamo che domani ci sarà un nuovo imperdibile appuntamento con il nostro Cineforum a tematica queerosa.

Per motivi tenici di reperibilità in italiano “Porquoi pas” di Coline Serrau, viene spostato a data da destinarsi, al suo posto vi proponiamo:

BUT I AM A CHEERLEADER
di Jamie Babbit (1999)

Posted in Anarchia, Antisessismo, assemblea degenere, Autogestione, Cineforum, DIY, Iniziative | Tagged , | Comments Off on QUeeR-è-forum Mercoledì 6 aprile: BUT I AM A CHEERLEADER

Prossime iniziative di aprile!

Aprile2016_light

Posted in Anarchia, Antifascismo, Antisessismo, assemblea degenere, Autogestione, Cineforum, DIY, Iniziative, Internazionalismo, Solidarietà, Volantini | Tagged , , , , , , , , | Comments Off on Prossime iniziative di aprile!

30/03/2016 – CINEFORUM Promised Land.. craking fracking

30 MARZO

Il film Promised Land, di Gus Van Sant, esplora il tema del fracking negli USA. Il fracking è un metodo di raccolta di gas metano attraverso dei processi di frammentazione idraulica sotterranei. Il film racconta la storia di un paesino che sarebbe destinato a diventare sito di insediamento di pozzi per questa devastante attività, affrontando il tema della lotta al capitalismo nella sua declinazione di industria energetica.

Il fumetto “Cosa è il Fracking e perché le persone sono preoccupate?”, realizzato da Frances Howe assieme al comitato anti-fracking della contea di Somerset, in Inghilterra, presenta il funzionamento del fracking, nonché le conseguenze in termini di salute e di impatto sugli ecosistemi e sui territori. Descrive inoltre la lotta che è stata organizzata in UK per difendere le aree passibili di installazione di questi impianti.

Il fumetto “Le sabbie del Canada”, è il frutto di un reportage che Joe Sacco realizza in una località canadese dove viene estratto petrolio non convenzionale da strati bituminosi di sabbia ed argilla. E’ in Canada infatti che si trova una delle maggiori concentrazioni di queste sabbie bituminose, che costituiscono un nuovo campo di espansione per l’industria energetica. Il fumetto di Sacco esplora le conseguenze ambientali e sociali di tale tipo di produzione.

Posted in Ambiente, Autogestione, Cineforum, comitati | Comments Off on 30/03/2016 – CINEFORUM Promised Land.. craking fracking