venerdì 13 settembre proiezione “Affari sporchi” di Alessandro Iacuelli

affarisporchwebAffari sporchi /Dreckige Geschafte (regia di Carmen Butta sceneggiatore/attore Alessandro Iacuelli) è un film di produzione franco-tedesca del 2010. E’ interamente dedicato alla questione dei rifiuti tossici e speciali smaltiti illecitamente in Campania: La produzione tedesca è dovuta al fatto che la Germania è uno dei paesi coinvolti nel traffico illegale. È andato in onda in Germania e in Francia ma le televisioni italiane l’hanno scartato perché troppo scomodo.  Il documentario infatti evidenzia come le associazioni mafiose svolgano Napoli-RIFIUTIun ruolo di semplice manovalanza nello sversamento dei rifiuti nell’ambiente, un crimine commissionato dalle grandi industrie con l’evidente complicità degli Stati.

VENERDI’ 13 SETTEMBRE  VERRA’ PRESENTATO NELLA NOSTRA SEDE DI VIA TOLMEZZO 87 A UDINE A CURA DELL’AUTORE ALESSANDRO IACUELLI

ore 19,30 CENA VEGAN DI AUTOFINANZIAMENTO

ore 21,00 PROIEZIONE DEL FILM

recensione da Umanità Nova

CARMEN BUTTA giornalista e regista italo-tedesca. Autrice di numerosi documentari televisivi e articoli (con particolare attenzione alla denuncia delle attività mafiose). FILMOGRAFIA E BIBLIOGRAFIA (in tedesco)

ALESSANDRO IACUELLI  giornalista free lance. Membro della redazione della testata on-line Altrenotizie, per la quale ha curato tra l’altro, inchieste sull’emergenza gas dell’inverno 2005/2006, sul nucleare in Italia e sui rifiuti tossici e le ecomafie in Italia meridionale.  Di origine napoletana e laureato in Fisica, da anni si sta occupando a tempo pieno della particolare “emergenza” che vive la Campania da quasi 15 anni, tornando a seguire la “sua” terra, il commissariamento straordinario dei rifiuti, le attività ecomafiose legate alla presenza camorristica, e l’aspetto sanitario che sta provocando un aumento dei casi di cancro nella regione. Nel 2007 ha pubblicato LE VIE INFINITE DEI RIFIUTI

This entry was posted in Ambiente, Iniziative and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.