E’ proprio vero “serviamo”.

E’ proprio vero, “serviamo”.

Domenica abbiamo pubblicato sul blog di Affinità Libertarie un volantino che è stato distribuito in occasione del raduno di fondamentalisti cattolici chiamati Sentinelle in piedi, palesatisi in piazza in allegra combriccola con forza nuova e polizia.
Siamo stat* molto felici di constatare che il volantino è piaciuto a molte persone in centro a Udine, che ne hanno voluto discutere in strada visto che ne condividevano l’analisi.

Adesso sappiamo che è piaciuto anche alle persone più timidone.
Infatti nemmeno 24 ore dopo la pubblicazione abbiamo trovato la serranda imbrattata con la scritta “Servi!”

E’ vero, serviamo! Finalmente si incomincia a capire che:

– in una città come Udine, in cui ci sono piazze blindate dove possono manifestare solo fascisti e fondamentalisti religiosi (come queste sentinelle in piedi e chi le accompagna, che di giorno fanno i guardiani della moralità e del diritto alla libertà di opinione, e di notte agiscono nell’ombra contro chi non la pensa come loro, come nel più classico dei cliché).

– In una città in cui esprimere dissenso verso queste cose è represso al primo cenno

– In una città in cui l’arci gay invece di essere la più agguerrita contestatrice, dà addirittura ordine ai/lle suoi/sue iscritt* di non scendere in piazza (toccando picchi in negativo che poche volte si sono visti)

un luogo come via tolmezzo dove si pratica
AUTOGESTIONE E AUTORGANIZZAZIONE
SERVE!

Quindi continuiamo!
Grazie

Attenzione le soluzioni al seguente quiz verranno distribuite durante la prossima iniziativa oppure contattateci alla nostra mail!

sentinelle

Posted in Anarchia, Antifascismo, Antisessismo, Autogestione, DIY | Tagged , , | Commenti disabilitati

17 gennaio proiezione di “Sui bordi. Dove finisce il mare”

SABATO 17 GENNAIO alle ore 18,00 proietteremo in via Tolmezzo 87 a Udine il cortometraggio

“Sui bordi. Dove finisce il mare” (39′, IT  2013) di FRANCESCA COGNI.

Sarà presente la regista.

A seguire convivialità VEGAN.

sui bordiSui Bordi unisce animazione, filmati d’archivio, immagini e voci tratte da youtube. Il desiderio, lo sforzo, la volontà è quella di raccontare una storia che si ripete da 20 anni, quotidianamente: la migrazione dal Sud del mondo verso la Fortezza Europa e soprattutto verso l’isola di Lampedusa; varco di ingresso e luogo della retorica dell’invasione. Un cortometraggio che procede “per accumulo di appunti visivi e frammenti di intenzione filmica”. Una struttura aperta che per volontà stessa della regista spinge lo spettatore a interrogarsi, per individuare una sua posizione etica tra i discorsi. Il tutto con la volontà di trovare una voce personale. La regista ha dichiarato: “Non è stato facile trovare una forma: l’urgenza del discorso si scontrava con la volontà di non prendere la parola al posto degli altri, di cercare un modo di raccontare che fosse esplicitamente personale”.

Posted in Cineforum, Internazionalismo, No CIE | Tagged , | Commenti disabilitati

PER LA LIBERTÀ DI TUTT* E DI CIASCUN*. CONTRO LA VIOLENZA OMOFOBA E SESSISTA DELLE SENTINELLE.

(volantino distribuito stamattina 11.1.2015 a Udine)

Siamo qui oggi perché non possiamo lasciare che vengano veicolati messaggi di odio, intolleranza, omofobia, fascismo nella nostra città.
Oggi dei personaggi che si dichiarano furbescamente e falsamente apolitici e aconfessionali, sono scesi in piazza. Come se non fosse abbastanza quello che fanno come obiettori di coscienza (ostacolando l’accesso all’ivg e alla salute sessuale). Come se non fosse abbastanza la violenza che diffondono nei luoghi di lavoro, nelle scuole, nelle strade, nelle conversazioni quotidiane (aggredendo fisicamente gay, lesbiche, trans, intersex, queer; insultando, stereotipizzando e nutrendo quella cultura eterosessista dell’intolleranza e della denigrazione che è la principale causa di quelli che vengono definiti “femminicidii”).
Si sono chiamati sentinelle, adottando un pieno linguaggio guerrafondaio, pensando di aver il diritto di montare la guardia sulle vite altrui, in nome di una qualche presunta morale che è parziale, di parte e crudele. E si sono riuniti, mossi dalla volontà di eliminare dallo spazio pubblico i corpi, le esperienze di vita, le forme di genitorialità e affetto che non rispondono al loro bigottismo fascistizzante e fondamentalista.
Contro quest’aria pestilenziale e violenta siamo quindi qui, per difendere le infinite e potenti forme di sessualità, solidarietà, cura e affetto che tessiamo nelle nostre vite. Che se non corrispondono a quelle della famiglia eterosessuale promossa dal vaticano, sono invece proprio un antidoto alle mortificazioni, agli insulti, alle botte, alle violenze e agli stupri che si annidano dentro le famiglie italiane. Continue reading

Posted in Antisessismo, Dal territorio, Volantini | Tagged | Commenti disabilitati

UDINE: contro la repressione !

non abbiamo paura ! Basta con la criminalizzazione della protesta sociale ! NO alla legge anti-protesta !

non abbiamo paura ! Basta con la criminalizzazione della protesta sociale ! NO alla legge anti-protesta !

La Questura di Udine non ha evidentemente niente da imparare dalla “ley mordaza” spagnola (la “legge museruola” * che commina pesantissime sanzioni per semplici reati di espressione: es. manifestazione non autorizzata ecc.). Gli sbirri locali hanno instaurato in città un clima repressivo decisamente pesante, perseguendo compagne e compagni con denunce e multe di migliaia di euri con accuse ridicole e per “reati” del tutto inconsistenti (vedi info-action).

Alle compagne/compagni colpite/i dalla repressione
tutta la nostra solidarietà !

* da anarres: Spagna. Tra ley mordaza e arresti per terrorismo

Posted in Dal territorio, Repressione, Solidarietà | Tagged | Commenti disabilitati

UDINE 28/12 Cineforum (A)utogestito della Paranoia finale: BLACK MIRROR special edition!!!!!!

layout_specchio_delle_mie_brame-02

Come ultimo Cineforum (A)utogestito dell’anno abbiamo pensato di proiettare Black Mirror/White Christmas di Charlie Brooker.

Per chi non lo sapesse, Black Mirror è una miniserie televisiva britannica (due serie, 6 puntate, ognuna autoconclusiva) che invita a riflettere sul lato oscuro della tecnologia, dell’uso che ne facciamo già, forse quello che ne faremo… quello che ci farà fare o diventare come individui e come collettività.

Cosa succederebbe se nella vita potessimo “bloccare” le persone come facciamo nei social network?
Oppure quanto la smart technology diventa  “smart” a livelli da incubo?

Black Mirror White Christmas è un’edizione speciale di fine anno composta da tre storie per un totale di 90 minuti, vi aspettiamo per vederla e commentarla insieme:

DOMENICA 28 DICEMBRE a Udine via Tolmezzo 87
ORE 18.00 PROIEZIONE
A SEGUIRE CONVIVIALITA’ VEGAN!

Posted in Autogestione, Cineforum, Dal territorio, DIY, Iniziative, Net-Attivismo, Volantini | Tagged , , , , | Commenti disabilitati

ondata repressiva in Spagna: rompiamo il vaso di Pandora !

(da Frangette estreme) All’alba di martedì 16 dicembre, undici persone (sette donne e quattro uomini), sono state arrestate con l’accusa di terrorismo nell’ambito dell’operazione “Pandora” nelle città di Barcellona, Madrid, Manresa e Sabadell. Oltre quindici le perquisizioni effettuate tra abitazioni e spazi occupati ed un totale di oltre 400 “mossos d’esquadra” impiegati in tutto il paese.

Secondo le parole del ministero dell’interno, a partire dal 2012, sarebbero una ventina le azioni di danneggiamento ai danni di banche, luoghi di culto e aziende riferite, almeno in parte, alle attiviste e agli attivisti arrestati. Sui media spagnoli si agita il fantasma del terrorismo anarchico. La stampa mastica e sputa la velina dei centoventi gruppuscoli antagonisti attivi nel territorio nazionale e con collegamenti all’estero: la bolla mediatica che alimenta il caso è figlia di questa strategia della confusione. Nel corso delle perquisizioni effettuate, oltre ad un rocambolesco ingresso in casa di una coppia di anziani dopo aver sbagliato piano, sono stati sequestrati pericolosi armamenti quali computer, telefoni cellulari e opuscoli di vario taglio. Continue reading

Posted in Internazionalismo, Repressione, Solidarietà | Tagged , | Commenti disabilitati

NO TAV libere/i Tutte/i !!

CADUTA L’ACCUSA PIU’ GRAVE (Terrorismo !) RIMANE COMUNQUE UNA CONDANNA SPROPOSITATA (tre anni e mezzo) frutto della volontà repressiva dello Stato.

Oggi nell’aula bunker del carcere delle Vallette è stata pronunciata la sentenza al processo ai quattro No Tav accusati di terrorismo, per un sabotaggio al cantiere di Chiomonte della notte del 14 maggio 2014.
L’accusa di terrorismo è caduta. I quattro, che in aula avevano rivendicato l’azione, sono stati assolti dall’accusa di attentato con finalità di terrorismo. Sono stati condannati a tre anni e mezzo di reclusione per detenzione di armi da guerra, danneggiamento e incendio, resistenza a pubblico ufficiale.
Sono state rigettate integralmente le richieste risarcitorie delle parti civili, il governo e il Sap, il sindacato di polizia di estrema destra, che lamentavano un danno all’immagine. segue su ANARRESINFO

TERRORISTA E’ LO STATO !

Posted in Ambiente, No TAV | Tagged , , | Commenti disabilitati

Primi appuntamenti di dicembre in via Tolmezzo 87…

dicembre2014

Posted in Anarchia, Autogestione, Dal territorio, DIY, Iniziative, LesCostumizzed, semi salvadis, Volantini | Tagged , , , | Commenti disabilitati

15 dicembre cineforum (A)uto/gestito: Giuseppe Pinelli

Lunedì 15 dicembre 2014, alle ore 21, nella nostra sede di via Tolmezzo 87 a Udine

pinelli assassinatoSerata sulla Strage di Stato e sull’uccisione di Pinelli. Proiezione del documentario Giuseppe Pinelli di Alberto Roveri (IT, 2012, 25′)

Posted in Anarchia, Cineforum, Iniziative, Repressione | Tagged , , | Commenti disabilitati

CASTAGNAT(A)UTOGESTITA domenica 16 novembre 2014

castagnata

Posted in Autogestione, DIY, Iniziative, semi salvadis, Volantini | Tagged , , , | Commenti disabilitati

ZAD e violenza poliziesca in Francia link e approfondimenti

IMG_2207De La ZAD avevamo già parlato in questo blog in due post che raccontavano un po’ di cose sulla resistenza che viene portata avanti dalle/dagli zadist*, sulla natura mafiosa del progetto che viene osteggiato (in particolare all’epoca raccontammo di quello riguardante Notre Dame des Landes) e sul livello repressivo intorno a questa mobilitazione.
Livello repressivo che ha portato alla morte, poche settimane fa di Remì, durante una manifestazione contro la diga di Sivens nel Testet.

IMG_2252

Abbiamo pensato di raccogliere (con l’intento di integrare nel tempo) i link che potrebbero aiutare ad approfondire e mantenerci aggiornat*sulla situazione.

Chiamata de La Zad per una mobilitazione internazionale contro la violenza poliziesca e la repressione per il 22 novembre. Continue reading

Posted in Ambiente, Autogestione, Internazionalismo, La Zad, Repressione, Solidarietà, Traduzioni | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati

CinePornForum (A)utogestito 26/10 : “MUTANTES: Femminismo Porno Punk” di Virginie Despentes

cinepornforum

Sarà proiettata la versione originale con sottotitoli in italiano.

Mutantes è un documentario sul femminismo pro-sex, scritto e diretto da Virginie Despentes, originariamente concepito come complemento audiovisivo del suo libro “King Kong Theory”.

Diversamente dal movimento femminista abolizionista, quello femminista pro-sex, che ebbe inizio negli Stati Uniti negli anni 80, sostiene che la rappresentazione del corpo e del piacere sono ambiti che devono essere rivendicati dalle donne e dalle minoranze sessuali e che la pornografia non deve essere soggetta al controllo del sistema patriarcale. Questo movimento si rifa anche alla legalizzazione del lavoro sessuale; donne sex worker, attrici porno, strip teasers e lesbiche hanno cominciato a parlare chiaro e a parlare di se stesse, generando una cultura che ha incluso articoli, libri, film, documentari, musica, fumetti e performance artistiche etc. Continue reading

Posted in Antisessismo, Autogestione, Cineforum, DIY, Iniziative, LesCostumizzed, postporno, Volantini | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati

Respingiamo le retate!

Tratto da http://hurriya.noblogs.org/

A tutti/e i/le migranti, ATTENZIONE! :
una operazione di poliziastopraids che interesserà tutta l’Europa chiamata “Mos Maiorum” prenderà il via il 13 ottobre per concludersi il 26 ottobre. Durante queste due settimane 18000 agenti di polizia cercheranno persone senza documenti. Lo scopo di questa missione è quello di raccogliere informazioni sulle rotte migratorie arrestando il numero maggiore di persone senza documenti. L’appello è quello di avvertire il maggior numero di queste persone! Un aumento dei controlli è previsto sui treni, nelle stazioni ferroviarie, negli aeroporti, nelle autostrade e ai confini interni dell’Europa.

da qui consigli utili

Posted in Carcere, Internazionalismo, Lotta anticarceraria, No CIE, Repressione, Solidarietà, Volantini | Tagged , , , | Commenti disabilitati

Domenica 12 ottobre Cineforum (A)utogestito No CIE

12ottobrecie

 

Posted in Anarchia, Autogestione, Cineforum, Dal territorio, DIY, Iniziative, No CIE, Solidarietà, Volantini | Tagged , , , , , , | Commenti disabilitati

Chiara ,Mattia, Claudio e Niccolò prendono parola al processo

NO TAV: C’ero quella notte.

okda Radio Blackout via noterzovalico

Decine di migliaia di No Tav sin dal 9 dicembre del 2013, quando vennero arrestati quattro attivisti con l’accusa di “attentato con finalità di terrorismo”, hanno detto: “quella notte in Clarea c’ero anch’io”.
Questa mattina in aula bunker delle Vallette Chiara, Claudio, Mattia e Nicolò, per la prima volta dall’inizio del processo hanno preso la parola, dicendo che quella notte, la notte del 14 maggio 2013, c’erano anche loro.
Radio Blackout ha ricevuto le registrazioni delle loro dichiarazioni.

Ascoltatele QUI (e leggetele! n.d.r.).

Qui, inoltre, l’articolo di Notav.info e la diretta dell’udienza di oggi da TG Maddalena

LE DICHIARAZIONI SPONTANEE

Mattia.
Conoscevo la Maddalena e la Val Clarea prima che ci venisse impiantato il cantiere dell’alta velocità. In quei boschi ho camminato, ho dormito, ho mangiato, ho cantato, ho ballato. In quei luoghi ho vissuto frammenti di vita preziosa insieme ad amici che ora non ci sono più e che porto nel cuore.
In quei luoghi sono tornato più volte negli anni.
Di giorno, di notte, di mattino, di sera; d’estate, d’inverno, in autunno e in primavera. Ho visto quei luoghi cambiare nel tempo, gli alberi cadere abbattuti a decine per fare spazio a siepi di acciaio spinato. Ho visto il cantiere crescere e un pezzo di bosco sparire, le torri-faro spuntare numerose e l’esercito arrivare a sorvegliare un desolato sterrato lunare con gli stessi mezzi blindati che pattugliano i monti afgani.
Così in Val Clarea son tornato una volta ancora in quella ormai celebre notte di maggio.
Molto, troppo, è stato detto e scritto su quella notte e non sta a me, né mi interessa, dire come si trascriva quel gesto nella grammatica del codice penale.
Quello che posso dire è che quella notte c’ero anch’io.
Che non fossi lì con l’intento di perseguire il terrore altrui o anche peggio, lo può capire qualsiasi persona dotata di buonsenso che abbia anche solo una lontana idea di quale sia la natura della lotta no-tav e quale il quadro di coordinate etiche all’interno del quale questa lotta esprime la sua ventennale resistenza.
Che fossi lì per manifestare una volta di più la mia radicale inimicizia verso quel cantiere e, se possibile, sabotarne il funzionamento, ve lo dico io stesso.
E se abbiamo deciso di prendere la parola oggi prima che questo processo si addentrasse nella selva delle perizie e delle controperizie vocali è proprio per affermare una semplice verità: quelle voci sono le nostre.
Su questo la procura ha costruito una storia.
Una storia in cui i cellulari diventano prove dell’esistenza di una catena di comando, addirittura di una pianificazione paramilitare, ma la verità -come spesso accade- è molto più semplice e meno roboante.
Esiste un motto in Val Susa che da anni è entrato nel bagaglio comune della lotta no tav e ne orienta nella pratica le azioni di disturbo al cantiere.
Questo motto è: “si parte e si torna insieme”. A significare che in questa lotta ci si muove insieme. Insieme si parte e insieme si torna.
Nessuno va lasciato indietro. A questo servivano i telefoni quella notte, a questo si sono prestate le nostre voci.
Parlare invece di capi, di organigrammi, di commando, di strateghi, significa voler proiettare su quell’evento l’ombra di un mondo che non ci appartiene e stravolgere il nostro stesso modo d’essere e di concepire l’agire comune.
Per quanto mi riguarda lascio agli entusiasti speculatori ad alta velocità il triste privilegio di non avere scrupolo della vita altrui, e a loro lascio anche il culto della guerra, del comando e del profitto ad ogni costo.
Noi ci teniamo stretti i valori della resistenza, della libertà, dell’amicizia e della condivisione e da questi cercheremo di trarre forza ovunque le conseguenze delle nostre scelte ci porteranno.

Claudio
La notte fra il 13 e il 14 maggio ho preso parte al sabotaggio avvenuto al cantiere della Maddalena a Chiomonte. Ecco svelato l’arcano.
Non mi stupisce che gli inquirenti nel tentativo di ricostruire i fatti usino parole come “assalto, attentato terroristico, gruppi paramilitari, armi micidiali”. Per chi è solito vivere e difendere una società fortemente gerarchizzata non può comprendere quello che è avvenuto negli ultimi anni in Val di Susa. Per descriverlo attingerà dalla propria cultura intrisa di termini bellici. Non è mia intenzione annoiarvi sui motivi per cui ho deciso di impegnarmi nella lotta contro il tav o su cosa significhi la difesa di quella valle, voglio solo sottolineare che qualsiasi cosa che abbia a che fare con guerra o eserciti mi fa ribrezzo.
Capisco lo sgomento dell’opinione pubblica e dei suoi affabulatori per la ricomparsa di questo illustre sconosciuto, il sabotaggio, dopo che si erano tanto spesi nel seppellirlo sotto quintali di menzogne.
Alla lotta contro il treno veloce il merito di aver rispolverato tale pratica, di aver saputo scegliere quando e come impiegarla e di essere riuscita a distinguere il giusto dal legale.
Alla lotta contro il treno veloce la grossa responsabilità di mantenere fede alle speranze che molti sfruttati ripongono in lei e di far assaporare ancora il gusto sapido del riscatto.

Mi permetto di rispedire alcune accuse al mittente. Siamo accusati di avere agito per colpire delle persone o quantomeno incuranti della loro presenza, come se provassimo profondo disprezzo per la vita altrui. Se c’è qualcuno che dimostra tale disprezzo è da ricercare nei militi che esportano pace e democrazia in giro per il mondo, gli stessi che presidiano con devozione e professionalità il cantiere della Maddalena. Per quanto concerne l’accusa di terrorismo non ho intenzione di difendermi. La solidarietà che abbiamo ricevuto dal giorno del nostro arresto ad oggi ha smontato a sufficienza un’incriminazione così ardita. Se dietro quest’operazione c’era il tentativo, non troppo velato, di chiudere i conti con la lotta no tav una volta per tutte, direi che è fallito miseramente.

Niccolò.
I motivi che mi hanno spinto in Val di Susa a prendere parte a questa lotta sono tanti; i motivi che mi hanno spinto a restare e continuare su questa strada sono ben di più.
In mezzo c’è un percorso di maturazione collettiva, di assemblee pubbliche e private, di campeggi e presidi, di confronto e scontro. In mezzo c’è la vita, quella di tutti i giorni, quella delle alzatacce e delle nottate insonni, della gola secca sui pendii rocciosi e dei pasti frugali, dei piccoli impegni e delle grandi emozioni.

In questo percorso chi lotta ha imparato la precisione del linguaggio, a chiamare le cose per quello che sono e non per l’involucro formale con cui si pubblicizzano, come un cantiere che prima era un fortino ed ora sta diventando una fortezza. Parole in grado di restituire il portato emotivo e l’impatto sulle proprie vite di determinate scelte della controparte, di chi ha deciso di invischiarsi in questa grande opera. Parole rispolverate da un lessico che sembrava antico e invece si riscoprono in tutta la loro potenza e semplicità nel descrivere le proprie azioni.
Un’accortezza di linguaggio che mi accorgo non essere così diffusa nel mondo circostante, quando leggo di improbabili ”commando” che secondo una certa ricostruzione propinata anche dai giornali avrebbero assaltato il cantiere nella notte del 13 maggio. Una parola quanto mai infelice non solo per il suo richiamo all’atto del comandare ma anche per una certa allusione mercenaria, inaccettabile, di chi sarebbe disposto a qualsiasi mezzo pur di raggiungere il proprio fine.
Di contro chi lotta ha imparato a convogliare con intelligenza persino le passioni forti e irruente che nascevano dai tanti colpi subiti quando un amico perdeva un occhio per via di un lacrimogeno o un altro era in fin di vita.

Per quanto mi riguarda la Val Clarea mi è amica fin da quando nel 2011 rilanciavamo la terra a mani nude nei buchi scavati dalle ruspe durante gli allargamenti del cantiere.
Ricordo che tra le tende di quel campeggio eccheggiava una canzone, tra le tante inventate per divertirsi e darsi forza, sulle note di un vecchio canto partigiano. Il primo verso recitava ”dai boschi di Giaglione uniti scenderemo….”. In questi anni molte volte è stato dato seguito e rilanciato quelle parole e qualcuno in quella notte di maggio ha deciso di farlo con altrettanta convinzione e io ero tra loro. Una delle voci dietro a quel telefono è la mia. Ma soffermarsi su una responsabilità personale per tesserne o meno le lodi non è in grado di restituire quel sentimento collettivo maturato nelle case di tante famiglie, di valle e di città, o tra una chiacchierata e una bevuta in un bar, nelle piazze e nelle strade, nei momenti conviviali come quelli più critici. Un sentimento che ha saputo esprimersi in uno degli slogan più gridati dopo i nostri arresti e che descrive bene la vera appartenenza di quel gesto: “dietro a quelle reti c’eravamo tutti…”. Uno slogan che ci riporta direttamente ad un assemblea popolare tenutasi a Bussoleno nel maggio 2013 con cui l’intero movimento salutava e accoglieva quel gesto chiamandolo sabotaggio.
E se dietro quelle reti c’eravamo tutti, dietro queste sbarre un pezzetto di ognuno ha saputo sostenerci e darci forza. Per questo, anche qui, qualunque siano le conseguenze delle nostre azioni, ad affrontarle non saremo soli.

Chiara
In quest’aula non troverete le parole per raccontare quella notte di maggio.
Usate il linguaggio di una società abituata agli eserciti, alle conquiste, alla sopraffazione.
Gli attacchi militari e paramilitari, la violenza indiscriminata, le armi da guerra appartengono agli Stati e ai loro emulatori.

Noi abbiamo lanciato il cuore oltre la rassegnazione.
Abbiamo gettato un granello di sabbia nell’ingranaggio di un progresso il cui unico effetto è l’incessante distruzione del pianeta in cui viviamo.

C’ero quella notte ed è mia la voce femminile che è stata intercettata.
Ho attraversato un pezzo della mia vita insieme a tutti quegli uomini e a tutte quelle donne che da più di vent’anni oppongono un no inappellabile ad un’idea devastante di mondo. Ne sono fiera e felice.

Posted in Carcere, No TAV, Repressione, Solidarietà | Tagged , , | Commenti disabilitati

ven 26 CINEFORUM (A)UTOGESTITO: Plogoff: pietre contro fucili

plogoff-nann

1978, in seguito alla crisi petrolifera, il governo francese decide di dare il via al suo ambizioso progetto di centrali nucleari. Tra i vari siti selezionati dal governo, vi è un paesino di 2.300 abitanti sulla punta nord della Bretagna: Plogoff. È un villaggio di pescatori e pastori dove il panorama delle onde che si infrangono sulle scogliere del capo toglie il respiro. Ma una volta che EDF (l’ENEL francese) ha già diffuso le planimetrie e iniziato i rilievi per la realizzazione della centrale…. ecco l’inatteso.

Continue reading

Posted in Ambiente, Autogestione, Cineforum, DIY, Iniziative, No Nucleare | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati

FREE JIMMY NELL’ORTO AUTOGESTITO

DOMENICA 7 SETTEMBRE NELL’ORTO AUTOGESTITO

(via Spilimbergo – via Moggio)

220px-Free_Jimmy_PosterORE 19,30 MOMENTO CONVIVIALE

ORE 21 PROIEZIONE DI FREE JIMMY di Christopher Nielsen (Nor. 2006)

IN CASO DI MALTEMPO L’INIZIATIVA SI TERRA’ AL CHIUSO IN VIA TOLMEZZO 87

organizzano: SEMI SALVADIS, AFFINITA’ LIBERTARIE

 

Posted in Dal territorio, Iniziative, semi salvadis | Commenti disabilitati

Apertura settimanale di via tolmezzo 87!

a

A partire dal 1° settembre 2014 terremo aperta settimanalmente la nostra sede in via Tolmezzo 87 a Udine, a prescindere dalle iniziative per chiunque avesse voglia di incontrarci, dare un occhio alla distro, proporre cose e preferire al bar un momento autogestito!

Ogni lunedì dalle 21.00 alle 23.00!

Posted in Anarchia, Autogestione, DIY, Iniziative, pubblicazioni | Tagged , , , | Commenti disabilitati

UDINE: presentazione di”Difesa legale”

SABATO 20 SETTEMBRE ore 17,30 presentazione nella nostra sede di Udine, via Tolmezzo 87,

dell’opuscolo “Difesa legale”

curato dall‘Associazione di Mutuo Soccorso per il diritto di espressione

A SEGUIRE CONVIVIALITA’ VEGAN DI AUTOFINANZIAMENTO

difesa legale jpeg da sitoPolizia e magistratura, tribunali e carceri. Istituzioni selettive e discrezionali poste da un ordinamento a garanzia di sé stesso, per natura inclini a essere piegate a fare del dissenso sociale un crimine.
Difesa legale. Note per una maggiore consapevolezza è una prima ricognizione nelle tortuose trame del processo penale, pensata per chi prende parte a manifestazioni di piazza, a movimenti dal basso, alle attività di collettivi, spazi sociali, realtà di base. Per non lasciarsi incastrare dagli ingranaggi della macchina giudiziaria non c’è migliore idea che conoscerne il funzionamento.

Posted in Autogestione, Dal territorio, DIY, Iniziative, Repressione | Commenti disabilitati

ITALIANI BRAVA GENTE ? la strage di Domeniko in Grecia

Anche in Grecia, durante la seconda guerra mondiale, l’esercito italiano compie eccidi contro la popolazione inerme. Tra questi la strage di Domeniko, un paese vicino a Elasona, a circa 25 km da Larisa, in Tessaglia, dove il 16 febbraio 1943 la divisione Pinerolo comandata dal generale Benelli, uccide a sangue freddo 154 civili (152 uomini e due donne), di Domeniko, Damasio e Mesochorio, per rappresaglia contro un attacco dei partigiani. La strage viene compiuta in più luoghi. Quello di Kaykaki, dove si commemorano ogni anno le vittime, ha visto il maggior numero di uccisioni

Un crimine fra i tanti… visita la nostra sezione ITALIANI BRAVA GENTE

IN QUESTO LUOGO SONO STATI ASSASSINATI 118 UOMINI DI DOMENIKO, 5 DI DAMASIO, 12 DI MESOCHORIO IL 16 FEBBRAIO 1943 DALL'ESERCITO DI OCCUPAZIONE ITALIANO ASSOCIAZIONE DI DOMENIKO DI LARISA

IN QUESTO LUOGO SONO STATI ASSASSINATI 118 UOMINI DI DOMENIKO, 5 DI DAMASIO, 12 DI MESOCHORIO IL 16 FEBBRAIO 1943 DALL’ESERCITO DI OCCUPAZIONE ITALIANO
ASSOCIAZIONE DI DOMENIKO DI LARISA (lapide sul luogo principale dell’eccidio)

 

 

 

Commemorazione dell'eccidio di Domniko 2012

Commemorazione dell’eccidio di Domniko 2012

Posted in Antifascismo, Antimilitarismo, Italiani brava gente | Commenti disabilitati