LO SCIOPERO DEL 22 GIUGNO

FINALMENTE UNO SCIOPERO GENERALE DEL SINDACALISMO DI BASE CONTRO LA MACELLERIA SOCIALE DEGLI ULTIMI MESI….

UNITARIO ? non proprio…. E’ indetto da CUB e USB (e già questa è una buona notizia vista la scissione che recentemente ha spaccato le due organizzazioni) USI-AIT più una serie di sigle minori, ma non vi partecipano i COBAS . Pesa qui sicuramente il fatto che le scuole sono chiuse e che quindi questo comparto – in cui i Cobas hanno le maggiori adesioni – non può aderire allo sciopero (si noti che le leggi antisciopero in vigore non consentono sospensioni dal lavoro durante gli esami finali). La spiegazione però non è sufficiente se consideriamo che l’UNICOBAS  (sigla che è presente quasi esclusivamente nella scuola) ha deciso di partecipare…

Insomma: si ripete qui quello scenario di disunione che abbiamo già avuto modo di denunciare.

Ovviamente la Commissione “di garanzia” (prevista dalla legge antisciopero) ci sta mettendo del suo per vanificare l’agitazione. Di queste ore (20.5) la notizia che lo sciopero nelle ferrovie  è stato dichiarato illegale nella misura in cui impedisce le comunicazioni con le zone terremotate (in pratica qualunque sospensione del lavoro avrebbe questo effetto !). Vedi il comunicato dell’ORSA, la principale organizzazione di base del settore (in realtà l’ORSA è un mix di sindacati autonomi e di base, ma largamente presente nel comparto)

INDISPENSABILE PIU’ CHE MAI L’AUTOGESTIONE DELLE LOTTE !

This entry was posted in Anarchici e sindacati, Contro i mercati finanziari and tagged . Bookmark the permalink.