“SPANISH REVOLUTION” ? Spagna, Grecia e…

LA GRECIA E’ IN FIAMME, CONTINUA L’AGITAZIONE IN SPAGNA (aggiornamenti)

19.6 Centinaia di migliaia di persone manifestano in tutta la Spagna contro la crisi economica e la politica governativa.

 

La manifestazione a Madrid, stamattina

la manifestazione a Barcellona, questa sera

Intanto un nuovo video mostra chiaramente un mosso de esquadra (poliziotto catalano) in borghese mentre tira sassate alla polizia durante gli “incidenti” di Barcellona.

il presidente del governo catalano Mas: "signori indignados, ci sono linee rosse che non devono essere superate !"

16.6 sembra diversificarsi sempre di più l’agitazione popolare in Grecia ed in Spagna. Ad Atene violenti scontri , a Barcellona , dove invece prevale l’azione non violenta, il potere cerca di criminalizzare gli indignados facendoli passare per violenti.una testimonianza in italiano sui fatti di ieri La “Acampada” di Barcellona diffonde video e testimonianze che dimostrano come gli incidenti davanti al “Parlament” catalano siano stati provocati ad arte da poliziotti infiltrati. Un video del quotidiano “El Mundo”

15.6 VIOLENTI SCONTRI AD ATENE DURANTE LA MANIFESTAZIONE PER LO SCIOPERO GENERALE. I GRECI NON SONO PIU’ DISPOSTI A SOPPORTARE LA POLITICA ANTIPOPOLARE DEL GOVERNO. A BARCELLONA INTANTO IL GOVERNO CATALANO SI PREPARA A SGOMBERARE GLI INDIGNADOS

6.6 IL MOVIMENTO DEGLI INDIGNADOS IN SPAGNA HA COSTITUITO LA GRANDE NOVITA’ DEL MESE DI MAGGIO: spontaneo, capace di esprimere forti tensioni autogestionarie e di democrazia diretta nella pratica quotidiana ma nello stesso tempo con difficoltà ad elaborare obiettivi radicali è apparso subito difficilmente classificabile.

In queste settimane  la strategia di potere e  mass media ha oscillato tra l’oscuramento mediatico, la brutale repressione (come a Madrid e a Barcellona), i tentativi di recupero, la trasformazione in “fenomeno folkloristico”… I media che hanno pompato e costruito le manifestazioni della “primavera araba” ed oscurato del tutto manifestazioni “inopportune” come quelle in Georgia non hanno potuto nascondere a lungo quello che avveniva nella “democratica” Spagna. La situazione spagnola sembra contagiosa  un movimento con caratteristiche analoghe è iniziato in Grecia (anche se qui si innesta su una serie di proteste ed agitazioni che negli scorsi mesi hanno raggiunto livelli di notevole radicalità) mentre il 29 maggio la polizia ha brutalmente sgomberato gli “accampati” di Parigi. Negli accampamenti spagnoli sono peraltro emersi anche tipici comportamenti sessisti che hanno richiesto dure prese di posizione da parte della commissione femminista del movimento

 

Atene manifestanti in piazza Syntagma

In Italia (per il momento ?) la popolazione sembra assorbita dalla farsa elettorale e dalla gioia temporanea per la vittoria dei vari Pisapia, De Magistris, Cosolini (Trieste), Pedrotti (Pordenone) con le sparate di vecchi tromboni della politica rimessi a nuovo come Vendola (vi ricordate quando – da parlamentare di Rifondazione – votava a favore dell’istituzione dei CPT ?).

This entry was posted in Internazionalismo and tagged , , , , . Bookmark the permalink.